Menu
Lunedì, 04 Ottobre 2021

The art of the piano

Si è svolta domenica 3 ottobre, alle ore 21, presso la chiesa San Giuseppe la prima serata dei concerti The art of piano che ha visto la partecipazione del maestro Sandro Ivo Bartoli, fra i massimi pianisti italiani in attività. Bartoli ha risposto alla devastazione del Covid-19 con un grandioso progetto online: l'esecuzione integrale delle 555 Sonate di Domenico Scarlatti, diffuse attraverso i suoi canali social dal suo studio nella campagna toscana. Una al giorno, ogni giorno, introducendole singolarmente in uno stile informato ma colloquiale. Il progetto ha un grande seguito mondiale, ed alla sua conclusione (ottobre 2021) sarà l'unica integrale scarlattiana in video, liberamente fruibile attraverso il canale Youtube di Sandro Ivo Bartoli. Definito dalla stampa tedesca “uno dei più importanti musicisti usciti dall'Italia negli ultimi trent'anni”, Bartoli è protagonista di una importante carriera internazionale che lo vede prodursi con varie orchestre di pregio come la Philharmonia, l'Hallé, la Deutsche Philharmonie e la Filarmonica di San Pietroburgo in prestigiosi teatri sparsi per il mondo fra i quali la Herkulessaal di Monaco di Baviera, la Bridgewater Hall di Manchester, la Library of Congress di Washington, il Centre Pompidou di Parigi. Ha al suo attivo una nutrita e varia discografia, votata in parte al repertorio italiano del primo Novecento (del quale è considerato interprete di riferimento), che gli è valsa numerosi premi e riconoscimenti dalla critica internazionale.

Lunedì 4 ottobre è stata la volta al pianoforte il maestro Lorenzo Marasso. Nato a Torino, si diploma al Conservatorio di Milano nel 1994. Lo stesso anno si iscrive al Master of Music program presso la Royal Academy of Music di Londra, dove studia anche direzione d'orchestra. Nel 1996, Lorenzo ha partecipato al Park Lane Group Young Artist Series esibendosi al Southbank Centre di Londra, un recital solista di composizioni contemporanee di Paul Patterson, James Macmillan, John McCabe e Nimrod Borenstein. L'impegno di Lorenzo nell'esecuzione di opere contemporanee lo ha portato a partecipare al Concorso pianistico Valentino Bucchi a Roma dove è stato vincitore del premio. Ulteriori impegni hanno incluso l'esecuzione della prima britannica della Sonata per violino e pianoforte di Keith Jarrett all' Hatherleigh Festival, nonché opere di Nigel Clarke e John McCabe alla presenza dei compositori. In seguito Lorenzo ha fondato String Orchestra Project, un ensemble dedicato all'esecuzione del repertorio orchestrale da camera senza confini di stili o combinazioni di musicisti. Nel 2017 Lorenzo ha fondato la Bauhaus Records, etichetta discografica dedita a ripristinare un rapporto più sano e diretto tra i musicisti e il prodotto registrato. Il catalogo attuale include le Invenzioni e Sinfonie complete di J.S. Bach, interpretato da Lorenzo, e Le sette ultime parole di Cristo in croce di Haydn. Nel giugno 2018 Lorenzo ha presentato in anteprima "Partizan", un melologo messo in scena per pianista e attore, che Lorenzo ha commissionato alla compositrice di Los Angeles, Anne LeBaron. Nel febbraio 2019 Lorenzo è apparso su Classical KING FM NW Focus LIVE, un programma radiofonico che mostra la variegata scena musicale del nord-ovest del Pacifico. Inoltre, nel luglio 2020 ha completato il Invention Project, una commissione di nuovi brani per pianoforte ispirati a J.S. Le invenzioni e le sinfonie di Bach. Nel 2021 intraprende anche l'attività’ di produttore radiofonico presso la stazione KBFG di Seattle, con il programma settimanale “Dress Rehearsal” e dedicato alla diffusione della musica classica. Lorenzo attualmente vive nell'area di Seattle dove continua la sua attività di pianista solista nonché musicista da camera, direttore d’orchestra e educatore, collaborando anche con l'Università di Washington e la Seattle University.

×