header

Mostra delle efflorescenze

L’efflorescenza, dal latino «efflorescere», è una proprietà di alcuni sali di perdere molecole di acqua di cristallizzazione. Per effetto di questo processo sulle superfici dei muri e sui pavimenti si creano incrostazioni biancastre dall’aspetto cristallino. Evoca l’idea di queste stratificazioni la mostra appena terminata nella chiesa di San Giuseppe.Sono “efflorescenze” le opere collocate in vari punti dell’edificio religioso, a mostrare l’accumulo o l’unione di manifestazioni segniche contemporanee all’interno di uno spazio architettonico memore del passato.

L’esposizione, ideata in collaborazione tra il centro culturale San Giuseppe e il corso di decorazione dell’Accademia Albertina di Torino, ha proposto un confronto fra le ricerche artistiche di studenti dell’istituto.

Queste si sono immerse nel contesto della chiesa di San Giuseppe e hanno generato un dialogo tra espressioni artistiche di oggi e uno spazio testimone di poetiche storiche tradizionali. Fra le opere in mostra, molte sono frutto di riflessioni su tecniche e movimenti che hanno influenzato l’arte del secondo dopoguerra: dal dripping, mescolato a tratti netti e precisi, alla pop art, unita a decorazioni di stampo orientale. A questi esempi se ne aggiungono altri di carattere decorativo, come la tavola interamente coperta da coloratissimi tappi, quasi una suggestione di felicità se non si trattasse di coperchi di fiale di chemioterapia. O ancora il tiro alla fune di giovani realizzato recuperando un materiale povero come il cartone, o gli oggetti personali di una giovane artista disposti su uno scalino della navata, riflessione sugli attimi trascorsi della vita. Si tratta di un gruppo di lavori debitori di esperienze artistiche passate, ma che cercano di citare, non di copiare.

E se la citazione si coglie immediatamente, ne risultano un aggancio nuovo alla contemporaneità, abilità tecnica e un tentativo di staccarsi da un debito con il passato. La mostra è stata curata da Silvano Venturi, Monica Saccomandi e Iginio De Luca .

 

Last modified on Wednesday, 21 September 2016 14:33